mercoledì 8 maggio 2013

"Tramezzini" di mela al vapore di rosa



Da un'idea "incrociata" sono nati nell'arco di 24  ore diversi piatti.

La faccenda si sviluppa così: mi capita in mano un libro di uno chef spaziale, un genio della cucina basca.....tale Juan Mari Arzak....non credo abbia bisogno della mia presentazione mentre io certamente approfitto a man bassa del suo talento e delle sue idee.

Leggo di una sua ricetta dove cucinava splendidi gamberi con il vapore di mela, io non avevo gamberi, ma avevo mele.

Così ho affettato e cotto delle mele con il vapore del loro succo leggermente allungato con acqua.
Le ho cotte quel tanto che si ammorbidissero e si rendessero flessibili, ne ho ricavato dei "petali", li ho piegati per ottenere una piccola corolla che ho farcito con foie gras ed una salsa tiepida di porri.
Abbinamento da capotto.
Con lo stesso criterio ho passato al vapore delle tenerissime zucchine, è bastato un minuto di cottura, forse meno.

Questa mattina però avevo in testa i gamberi così sono uscita a comprarli e quando sono rientrata ricevo "in omaggio" da mia cognata delle strepitose rose del suo roseto.
Profumo inebriante ed intensissimo.
In quell'istante le idee si sono incrociate, in una mano i gamberi, nell'altra le rose....cuocerò con un vapore di rose!

Così è stato, i gamberi sono poi stati tagliati per il lungo senza separarli, come un panino,  farciti con  orzo, farro e cubetti di mela.

Idea chiama idea, ormai avevo in testa l'idea del sandwich, qualcosa a strati, ho pensato ad un boccone dolce e leggero, sia nella sostanza che nella consistenza.

E' nato il
TRAMEZZINO DI MELA  AL VAPORE DI ROSA E LA SUA CREMA  SOFT AND CHIC!!!

Spero gradiate....ed ora metto a riposo il cervello:)))













3 commenti:

fantasie ha detto...

Chissà come mai io leggo libri di cucina e certe idee non mi vengono...
Sei extra!

Paola V. ha detto...

Non c'è nulla da fare che per la cucina si vuole immaginazione e creatività, sono rimasta stupita con questa ricetta, non ho visto mai una cosa del genere,e non ne dubito che sia squisita. Ottima ricetta.

Grazia ha detto...

Sono sicura che per questi tramezzini Maria Antonietta avrebbe lasciato i dolci di Ladurée. Quel vapore di rosa è di un romantico....