martedì 4 novembre 2014

Cavolo nero e cavolo rosso per il riso mantecato con ricotta di bufala e colatura d'alici e......pausa dolcezza con la caramel flan!

Pochi minuti prima che su questo orto, su questo paese e su tutta la provincia di Savona si abbattesse un nuovo, potentissimo diluvio, io ero intenta a cavar cavoli nel mio giardino!!!!
Ho fatto appena in tempo, il terreno ormai  è una palude impraticabile ed il vicolo un torrente in piena, purtroppo mi tocca dire....come sempre!:(((

Abbiamo portato sufficiente legna dentro casa per non dover uscire più.
Abbiamo la legna, abbiamo i cavoli, abbiamo il vino più cinque gatti ed un cane tutti bagnati e che tremano come foglie sopra ad una coperta vicino al camino.

Avevamo pure voglia di qualcosa di buono, ecco perchè ho preparato questo riso

RISOTTO AL CAVOLO NERO, CAVOLO ROSSO, RICOTTA DI BUFALA E COLATURA D'ALICI



L'idea di questo riso è molto semplice e si avvale anche della dritta dello chef Fabio Tammaro che non più di qualche settimana fa, dopo aver visto la mia coltivazione di cavoli neri, mi ha rivelato di preparare un risotto con polvere di cavolo nero essiccato.
Il suo riso è molto diverso, più ricco ed articolato, compaiono anche  scampi, bufala ed acqua di governo per mantecare.
Deve essere una potenza assoluta, per assaggiare l'originale tocca fare un giro a Verona all'Officina dei sapori.

La mia è una versione molto più elementare, alla portata di tutti, basta procurarsi cavoli, ricotta e colatura d'alici.

PER 4 PAX SERVONO:

-320 g riso carnaroli
-1/2 cavolo rosso
-8/9 foglie di cavolo nero
-200 g ricotta di bufala
-60 g raspadura
-colatura di alici
-brodo vegetale arricchito con foglie di cavolo nero
-vino bianco secco, sale, pepe nero

Laviamo, asciughiamo le foglie di cavolo nero, eliminiamo la costola centrale e poniamole ad asciugare nel forno finchè risulteranno sottili, fragili, assolutamente secche. Polverizziamole e preserviamo.
Avviamo il nostro brodo vegetale(cipolla, carota, sedano, porro, finocchio, foglie di cavolo nero) ed una volta pronto manteniamolo al bollore a fiamma bassa.
Affettiamo molto, molto finemente il cavolo rosso.
Tostiamo in casseruola il riso a secco.
Spegniamo con il vino bianco.
Iniziamo la cottura del riso avvalendoci gradualmente del brodo vegetale a temperatura.
Dopo 10 minuti uniamo il cavolo( meno una cucchiaiata) e proseguiamo la cottura per altri 6 minuti.
Controlliamo e correggiamo la sapidità.
Portiamo fuori fiamma ed uniamo tutta la ricotta ed un cucchiaio di colatura.
Mantechiamo senza interruzione per 2 minuti, uniamo la raspadura, il cavolo rosso crudo.
Impiattiamo, chiudiamo con una spolverata abbondante di cavolo nero essiccato ed un soffio di pepe.
Serviamo subito:))





Per la PAGINA DELLA PERVERSIONE oggi abbiamo a calendario qualcosa di golosissimo che già mi sta cariando i denti, la CARAMEL FLAN.
Si tratta di un dolce realmente pericoloso, ma delizioso, a metà strada tra un flan, però con una copertura leggermente meringata ed un ricchissimo caramello alla mandorla con cioccolato bianco e cacao.


E' solo per il vostro bene che non trascrivo la ricetta.....quanto a me, ormai sono una "donna perduta"!!!!!!!!!!:)))




8 commenti:

veronica ha detto...

fabiana per tutta la liguria non ho parole ,immagino i disastri e la paura che c'è sempre viva per tutta la stagione invernale.
se non Avresti scritto di Savona questo favoloso piatto non fa intravedere niente è perfetto solare e pieno di speranza
complimenti
beh per il dolce mia cara donna perduta è una libidine.....

Fabiana Del Nero ha detto...

Grazie veronica!!!!!
Ma quant'è bello perdersi nei vizi....e nell'oblio!!!!!:))

edvige ha detto...

Ho tutto o quasi mi mancano i cavoli colorati e hai voglia trovarli per il resto incluso colatura di alici sempre a portata di mano. Ciaoooo

manu ela ha detto...

Fabianaaaa! ma perchè son passata date a quest'ora? Che poi mi sogno ste cose di notte, divento sonnambula e mio marito mi trova la mattina con la testa nel frigo e le mani nel vasetto delle acciughe!
Anche qui a Frabosa il tempo è un disastro! I miei sono di Savona, dell'entroterra e ogni volta che piove ormai è ansia generale.
Meno male che forse il fine settimana migliora. Ciao ciao a presto, una carezza ai tuoi amici pelosetti.

Fabiana Del Nero ha detto...

Grazie Manuela!!!
Anch'io sono un'assidua frequentatrice notturna di frigo e credenza.....seleziono pure accuratamente cosa ingurgitare, mica mi accontento di un gambo di sedano!
Purtroppo non posso neanche fingere di essere sonnambula....scelgo "coscienziosamente" come farmi del male, ma al mattino i miei 10 km alle sei in punto non me li toglie nessuno!!!!!!!!!!:)))
La Liguria sta implodendo, si sta letteralmente sgretolando ed erodendo....un disastro continuo, tristezza:((

un abbraccio

ilaria lotti ha detto...

il disastro si è allungato fin qui..allerta meteo x tutta la giornata, ma la peggio ieri l'ha avuta Carrara :(
....il tuo riso "incavolato" a me consola parecchio, e del flan che dire...verrei fin lì a piedi sotto l'ombrello! :)

Acquolina ha detto...

tu sai proprio come tirare su di morale i tuoi cari! che meraviglia! ma visto che sono nella cerchia dei golosi, ormai, anche la ricetta del flan? ;-P
stupendo e una carezza ai gatti (anche al cane)

Fabiana Del Nero ha detto...

Diciamo che fondamentalmente mi sono tirata su io, sono una super fan dei cavoli, li trovo deliziosi e bellissimi.
Quello rosso poi è incredibilmente affascinante, un colore follemente intenso, un sapore netto, il sentore del pepe e della senape......un ingrediente straordinario!!!!!!!!!!