domenica 4 gennaio 2009

Leggerezza e diafane trasparenze

Per una tavola  che porti ancora l'eco delle morbide e avvolgenti  atmosfere natalizie anticipando le più leggere e trasparenti giornate primaverili ho pensato e realizzato questi segnapostoHo fatto fondere gocce di cera che ho poi colorato e profumato.
Con questo duttile materiale ho plasmato e assemblato fragili petali di rosa fino a comporre un bocciolo al quale ho avvicinato foglie nello stesso materiale.
Per avere un effetto a contrasto con la levigatezza del petalo ho unito alle foglie polvere di marmo e carbone.
Il risultato è un aspetto più granoso, ruvido e opaco, traslucido se avvicinato ad una fonte di luce o alla luce del sole che tutto penetra e tutto anima.

9 commenti:

Grissino ha detto...

Uuuuuuuhm, le rose sono bellissime ma le sai fare anche con la verdura. Per i petali potevi usare delle fette di prosciutto crudo. Cosí il segnaposto si poteva mangiare!!!
:-D

Laura ha detto...

Meraviglia!
Sono bellissime
Usi spesso la povere di carbone e quella di marmo per averne disponibile?
Ho gettato l'altro giorno una candela natalizia cominciata altrimenti avrei provato subitissimo.
Ma il mio cervello sta elaborando...
Grazie

Laura ha detto...

Che ti dicevo?
Hai fatto fondere gocce di cera quindi vuol dire che hai acceso una candela e hai lavorato sulle gocce che il fuoco ha sciolto e non che hai fatto sciogliere tutta la candela?
Quasi, quasi cerco una candela allora

cassandrina ha detto...

Le gocce di cera si acquistano a peso o a sacchetti, diversamente puoi utilizzare tutti gli avanzi di candele o anche la cera colata( la stacchi con un cubetto di ghiaccio)e fare fondere tutto.
Anche la polvere di marmo si acquista, io la uso spesso( mescolata alla cera, alla colla, alla cementite)e quindi in effetti ne ho sempre in magazzino, però se ne può comprare una piccola quantità nei negozi di bricolage.
Volendo puoi ottenere mille effetti diversi inglobando particelle di foglie secche, rametti....ottenendo un effetto di ambra fossile, molto suggestivo!
Per quello che riguarda la verdura....beh quello è proprio il mio campo, si può fare quasi tutto.
Anche il prosciutto va benissimo ed è decisamente meno impegnativo, l'idea era quella di qualcosa di duraturo nel tempo, qualcosa che l'ospite portasse a case con se in ricordo di una ( speriamo bella ) serata.
Grazie dei vostri commenti, buona giornata a tutti, qui c'è un sole pazzesco!

Laura ha detto...

Grazie Cassandra per tutte le tue esaurientissime spiegazioni.
Un abbraccio

Laura ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Laura ha detto...

Cassandra, scusa ho fatto un macello con il commento sopra.
Ti volevo dire che ho provato a fare le rose di cera.
Sono bruttine ma come primo esperimento di accontento, non avevo mai maneggiato la cera.
Le metto nel mio blog

cassandrina ha detto...

Ciao Laura, non so cosa hai fatto con il commento ma corro a vedere cosa hai fatto con la cera.
Volo!!!

Laura ha detto...

Grazie