mercoledì 21 aprile 2010

Prove tecniche di rinnovamento....e immagini dedicate a Grissino!

Prima di ogni cosa le immagini "dedicate" a Grissino e a chiunque altro desiderasse vedere lo stampo per i corzetti, un tipo di pasta che appartiene alla nostra tradizione e che certamente meriterebbe di essere riscoperto e rilanciato....... perlomeno da noi!





Ecco lo stampino, è diviso in due parti, quello cilindrico ha un lato con i bordi adatti a tagliare la pasta che viene poi pressata fra l'altro lato e il timbro che viene premuto sopra.
Entrambi i lati risulteranno stampati perchè il legno è inciso su ambo le parti.





Tornando invece al mio lavoro ho deciso di iniziare una serie di inevitabili prove per alleggerire il menu in previsione dell'estate che, si mormora, prima o poi dovrebbe comunque arrivare.

Così in previsione di questo attesissimo evento ho ricominciato a spolverare le ricette che per tanto tempo ho messo da parte, in primo luogo il mio amatissimo gazpacho.





Lo preparo così, bagno della mollica di pane secca nell'aceto di vino bianco, strizzo e frullo con 3 pomodori senza pelle, 1 cipollotto, 1 peperone, 1 cetriolo senza buccia nè semi, 1 costa di sedano senza fili, sale, pepe, 1/4 di peperoncino e 2 gocce di salsa Worchester .
Unisco qualche cubetto di ghiaccio( vi son venuti i brividi??) e servo in bicchierini o mini zuppiere con cubetti di pane, falde di verdura fresca e un ciuffo di basilico.





Ho preparato anche delle semplici e sempre gradite chicche di patate con ricotta e maggiorana, legate con una fettina di crudo e uno stelo della stessa erba






Con poca spesa e poco sforzo nascono gli spiedini di acciughine, pulite asciugate e passate nell'albume semi-montato e poi in paprika dolce, poco amido di mais e sesamo.
Fritte e gustate.




In ultimo un piatto altrettanto rapido, nato non dalla mia fantasia ma da quella di un altro chef Raffaele De Giuseppe e proposta nel suo volume Pesce Azzurro.

Si tratta di mini frittatine, che io ho trasformato in mini flan, con uova,pecorino,asparagi e cozze.

Provati e approvati....quindi pronti per essere inseriti in menù.

12 commenti:

Ely ha detto...

che belli gli stampi!!!! ma li hai fatti tu?? sono perfetti!!!! e quante prelibatezze alla faccia della dieta, saranno leggere ma appetitosissime!

stefania.confidential ha detto...

Fabiana, .. qui una idea tira l'altra bellissime tutte ciao e gli stampini poi ...mi piacerebbe stampare anche i biscotti ..

Grissino ha detto...

Interessanti, non li avevo mai visti! (per i biscotti invece li ho visti).

Aniko ha detto...

Sei un pozzo di idee meravigliose!
Ciao!
Aniko

Cassandrina ha detto...

Fatti io??? Magari....no, sono incisi nel legno d'ulivo( come i pestelli) e sono assolutamente rari da trovare, li fa un tornitore, volendo personalizzati su ordinazione e li vende una piccolissima botteguccia nel cuore della Gnova storica!

Carla, i colori...pensieri della mia mente. ha detto...

...la tua è arte pura...sei in gambissima.ciaooo

Ilaria ha detto...

Sono solo le 9:51... ma mangerei tutto quello che vedo!
Mi sento l'acquolina a guardare le foto!!
mamma mia... mi tocca di fare uno spuntino!

baci baci!
Ila

marinella ha detto...

Fabiana, non puoi farmi venire fame già al mattino! queste piccole delizie sono veramente stuzzicanti. Baci

Azzurra ha detto...

Adoro il gaspacho, bellala presentazione. Un saluto

dauly ha detto...

gli stampi hanno il sapore d'altri tempi, di quello che segue invece, il sapore vorrei proprio gustarmelo!!

alessandra ha detto...

Tutto estremamente interessante, mi piace il tuo gusto. Brava!
Baci Alessandra

Pecados da mesa ha detto...

Olá;
Belo.
Muito apetitoso e interessante.
Seu blog é maravilhoso. Vou seguir.
Vem para BRAZIL me seguir.
www.pecadosdamesa.com.br