lunedì 16 maggio 2011

CINQUE IN UN BACCELLO



Gli anni e la vita oltre ad aver alimentato la mia curiosità ed avermi posto di fronte a mille interrogativi mi hanno anche  fortunatamente insegnato un discreto numero di cose.
Certamente ho capito che ci vuole pazienza.... tanta ....e che la pazienza va pure allenata, poi, a volte ( ma solo a volte) se sei fortunato ti premia.

I doni ricevuti possono essere piccoli, ma molto significativi, come riuscire a fotografare un gabbiano che passeggia fra i filari del mio orto.... dopo più di 20 minuti di silenzioso avvicinamento ed appostamento




oppure seguire il lentissimo e tortuoso percorso di una chiocciola in viaggio sul muretto di casa, ha cominciato all'alba ed ancora sta viaggiando




in giardino ci vuole sempre pazienza, ecco perchè è una bella palestra di vita...ce ne vuole per prendersi cura di un seme che forse diventerà un fiore e poi renderà felice la tua casa




ce ne vuole tanta per continuare a prendersi cura di un altrettanto  prezioso fiore che ti è stato donato e proprio non vuoi che muoia....e infatti incredibilmente continua a vivere



naturalmente ce ne vuole per osservare la natura, ispirarsi e trasformare un tubero in una rosa...un limone in una dalia




e ce ne vuole tantissima per sviluppare un'idea impetuosa, sicuramente stramba e trasformarla in una ricetta che  convinca l'occhio, ma dia soprattutto la certezza di soddisfare il palato.
Nasce così il mio piccolo progetto per l' MTC di maggio,sfida lanciata  da una blogger assolutamente speciale, nelle parole e nelle idee, parlo di Annamaria, del suo blog lacucinadiqb e della sua ricetta con un marchio di provenienza certo e garantito.....risi e bisi.




Il ricordo che affiora per me è indiscutibilmente legato alla mia lunga permanenza nel "gentile" Veneto, prima in quel di Verona e poi per molti anni a Treviso, ma molto più giocosamente il nome della ricetta mi ha fatto immediatamente pensare al titolo di una fiaba che ho sempre trovato buffissima e della quale ricordo perfettamente ogni singola meravigliosa illustrazione  CINQUE IN UN BACCELLO.
Ho scelto di mantenere lo stesso nome anche per la mia  piccola ricetta, che ha richiesto, appunto....... una discreta pazienza!



Ho accolto il suggerimento di orientarsi verso una certa qualità di  piselli(  il giardino anche stavolta mi ha aiutata), ho seguito l'indicazione di sfruttare i baccelli per il brodo e dato che erano tenerissimi ne ho riservato un discreto numero per rialloggiarvi i legittimi proprietari, cinque piselli ed il loro riso che vedete affacciarsi per un'ultima volta al loro baccello, prima d'essere sigillati da una doppia panatura e finire tuffati in olio bollente!!






..............direi semplice e divertente....quasi come una fiaba!!!

25 commenti:

Paprika&Paprika ha detto...

Buoni!!!!Ma che idea!!! Come sempre sei sorprendente!!
(oggi anche molto romantica!;-)

lucia ha detto...

stupisci sempre per la fantasia, e la manualità con le quali riesci a reinventarti le ricette! brava!

chamki ha detto...

E se non la vinci tu questa sfida chi mai potra` vincerla? Troppo originale la tua trovata, come sempre bravissima! Un bacione.

chamki ha detto...

E se non la vinci tu questa sfida chi mai potra` vincerla? Troppo originale la tua trovata, come sempre bravissima! Un bacione.

chamki ha detto...

E se non la vinci tu questa sfida chi mai potra` vincerla? Troppo originale la tua trovata, come sempre bravissima! Un bacione.

Raffaella ha detto...

Post riflessivo e al contempo divertente...

Daniela ha detto...

Bella e originale la tua idea! Grazie mille Fabiana e buona serata!!
Dani

Gianni Senaldi ha detto...

Brava Fabiana
hai ragione ci vuole molta pazienza ma ... che risultato!!

Letiziando ha detto...

Parole che sfiorano le corde emotive con delicatezza e ricetta che incanta per eccellenza da ogni punto di vista si rimiri :)

Max ha detto...

Complimenti, ottima interpretazione...e grande idea come sempre d'altronde non poteva mancare a te...buona giornata, ciao.

Rosaria ha detto...

ciao piacere di conoscerti...ma che idea originaleeeee....mi piace da morire il fritto!!

arabafelice ha detto...

Sei un genio, davvero.

cristina b. ha detto...

sei troppo avanti!!!! bravissima!
p.s.: l'8 marzo mi hanno regalato un'orchidea recisa che è bella ancora adesso: incredibile ma vero!

Puffin ha detto...

ciao Fabi rimango sempre incantata dalle tue foto e dalla tua fantasia!!! complimenti!!!

Fabiana ha detto...

Grazie amici!
La vostra generosità è davvero sorprendente....ma mi piace un sacco!

stella ha detto...

Fabiana fritti, ripieni, semplicemente divini!

Loredana ha detto...

Mi è piaciuto molto la tua interpretazione , e il titolo mi ha rimandato proprio a queste immagini.
Brava e piacere di conoscere il tuo blog ; )
continuiamo a tenerci in contatto ; )
ciao loredana

Patty ha detto...

Ommioddio Fabiana! Ma che meraviglia e'...come caspita hai fatto a pensare una cosa simileeee...credo che le cape resteranno basite! Bravissima! Bacione, Pat

Vitto ha detto...

Mamma mia! Siamo tutti letteramente............. FRITTI!!!!!

Come si fa a competere con una genialata così! Bravissima

Vitto

anna ha detto...

Che fantasia! E' proprio una idea splendida la tua.
Complimenti!
Secondo me hai tutte le carte in tavola per farcela, questa volta.
In bocca al lupo!

Claudia ha detto...

anche la tua è molto originale come sempre!!! le tue idee vanno oltre la mia fantasia!!!grazie del tuo commento alla mia ricetta di MT.baci

Cavalletto di Bruxelles ha detto...

Buongiorno!! Un premio ti aspetta sul mio blog!
Puoi visualizzarlo in questo post:

http://cavallettodibruxelles.blogspot.com/2011/05/stylish-blogger-award.htm

Stefania ha detto...

davvero stupefacente!

Mapi ha detto...

La pazienza è stata però ricompensata: una ricetta originale e molto invitante!

alessandra (raravis) ha detto...

Tu sei disumana....
:-)
ale