domenica 26 giugno 2011

KAKI AGE DI UN ORTO A PONENTE.....pieno di tutto....e pieno di niente!

Il bello è che quando ho letto la sfida  dell'MTC di giugno, lanciata da Acquaviva, vincitrice del mese precedente, mi sono ripromessa di tentare, per la prima volta in vita mia,  di realizzarla così come era stata proposta e accuratamente illustrata......senza cambiare nulla.
Una ricetta che parla non solo di cibo, ma di una cultura ricca e interessantissima, improntata alla calma,all'importanza del gesto, alla cura, al valore di ogni singolo elemento...al rispetto...anche di ciò che si mangia!
Per quanto i dettagli e le spiegazioni fossero davvero tante a me non bastavano mai, ad ogni parola mi scoprivo totalmente ignorante e totalmente affascinata.
Ho sfogliato Wiki e guardato un'infinità di illustrazioni, ho pure "intervistato" Kaori, un'amica chef giapponese.



Avrei voluto cucinare ed assaggiare la ricetta così come avrebbe dovuto essere........ma, non questa volta!
Non sono riuscita a reperire gli ingredienti necessari per essere vicina all'originale e a questo punto ho totalmente virato ispirandomi al mio orto ponentino che sembra sempre stracarico di frutti ed invece in questi giorni è pieno di niente!!!


Vi spiego rapidamente cosa ho fatto, ho scelto gli ingredienti disponibili scovandoli tra le aiuole oppure arrampicati sui muretti a secco, così è nata la " prima coppia" ed è stata la volta di alcune trombette....queste


che stanno benissimo con la menta........questa



la menta non manca assolutamente mai a casa mia, da quando ha messo la prima radice si è letteralmente impossessata di uno spazio sempre maggiore sconfinando un po' ovunque, ma va bene così.

La "seconda coppia" , altrettanto profumata, ma più colorata è stata formata dalla salvia regina....questa



e dai petali delle dalie, che finalmente dopo mille cure e tante annaffiature sono cresciute, eccole...


Piccolo consiglio, io utilizzo spesso i petali dei fiori nelle mie ricette perchè sono assolutamente bio e quindi eduli, ma chi(suppongo tanti) non ne disponesse farebbe bene a non utilizzarli a caso(oltretutto alcuni sono altamente tossici) e a non approvvigionarsi presso i fiorai bensì presso ditte specializzate che ne certificano coltivazione e provenienza, ad esempio qui, o qui.

Una volta selezionati i protagonisti mi sono limitata a realizzare la pastella esattamente come illustrato da Acquaviva, senza nessunissima variazione, poi ho fritto  in abbondante olio di arachide, come  faccio da sempre!



Per accompagnare ho scelto del sale agli agrumi, ottenuto semplicemente mescolando la scorza di limone e kumquat disidratata a del sale grosso e poi pestando il tutto nel mortaio.
Direi che la nota agrumata stava bene sia con le trombette e la menta che con la salvia.



Per quel che riguarda la salsa da fritto obbligatoria, secondo il mio palato pure necessaria, ho preparato un'emulsione di olio, miele al limone, salsa di soia e peperoncino.



Ancora a parte, per chi gradisse un'opzione più dolce ho lasciato a disposizione dello sciroppo di lampone, pepe e rosa preparato ed imbottigliato ormai più di un mese fa.

Buon kaki age a tutti.....alla prossima sfida!!!

25 commenti:

alessandra (raravis) ha detto...

Questo sarebbe un altro post da stampare, per non perdere tutti i consigli che hai dato. Condivido con le la tolleranza all'invadenza della menta, con tutta che io ho solo un poggiolino- ma tant'è: ormai si è espansa dappertutto. Le zucchine trombetta sono un'altra di quelle cose per cui ogni tanto scappo dalle tue parti, in un ristorante dove il piatto forte è proprio una crema a base di queste meraviglie qui e sul resto, il solito chapeau. anche perchè da oggi ho una certezz ain più- e cioè che kaori esiste e ti conosce :-)
un bacione
ale

Fabiana ha detto...

Ale!!!! Quando vieni a ponente per gustare la crema di trombette non azzardarti a non dirmelo.....quando mi ricapita una cena con te?!!

acquaviva ha detto...

un kakiage in piena regola: fatto di niente, pieno di senso e di armonia.

sulemaniche ha detto...

mi piace davvero...ne sto vedendo davvero di tutti i colori! che brave!

Raffaella ha detto...

Che ricetta originale! quanto vorrei vedere il tuo orto... deve essere pieno di mille delizie...

Max ha detto...

Brava...bel post e buono il kaki age...buona settimana, ciao.

Letiziando ha detto...

Complimenti per questa bella partecipazione all'MTC :)

Elena ha detto...

Bellissima ricetta, sta venendo voglia anche a me di kaki age anche se non partecipo all'MTC. Brava Fabiana, un abbraccio

accantoalcamino ha detto...

A questo kaki-age non manca nulla, è sotanto da assaggiare, da noi le "trombette" non le coltiva nessuno dovrò venire a ponente :-)

Tamtam ha detto...

bellissima ricetta fatta ad arte, hai fatto bene a dare i consigli sulle erbe e fiori, conosceo gente che prende le erbe i fiori e la frutta anche dagli alberi che sono in strada non sapendo di quanta tossicità contengono, piene di monossido di carbonio, purtroppo non tutti lo sanno...senti Fabiana che sono le trombette? io conosco i funghi ma non sono quelli, lo vedo dalla foto, sembrano delle zucchine...

Fattoria delle Erbe ha detto...

Sembrano davvero deliziosi questi Kakiage....spero di riuscire a provarli presto. Grazie per la seganalazione.
Liz

Fabiana ha detto...

Orto aperto per tutti....chi vuole qualcosa (sì...ma cosa??) se la venga pure a raccogliere!
Tamtam...ci azzecchi sempre, sono proprio le zucchine sottili, dolci, tenerissime e luuuunghe! Fritte sono speciali!!!

nerodiseppiablog ha detto...

Che bontà! Frittino e croccante ;)

sississima ha detto...

Accidenti quanto lavoro dietro una ricetta, ma il risultato è impeccabile! CIAO SILVIA

Rossella ha detto...

Bellissimo il to orto e sono incredula della salvia, foglie grandissime !!! E poi i petali dei fiori fritti...insomma una poesia !!! Buona giornata !!

pips ha detto...

già sentito parlare, sono sicura che con il tuo orto di mezzo siano buonissimi :) a presto!

cuoca gaia ha detto...

Ma è meraviglioso! E chi avrebbe mai pensato di friggere i fiori? :)Vorrei avere un giardino per poter cercare anch'io qualche squisitezza come te!

anna ha detto...

Ma sai che nella cucina giapponese si usano i piccoli fiori? Più che altro per fare bello un piatto, ma ho visto anche della tenpura di piccoli fiori tipo crisantemo.
Mi piace la tua kakiage, mi sembra in armonia con l'ambiente.
;-)

Mammazan ha detto...

Mamma mia che belle piante...la salvia più che regina sembra un'imperatrice...
Anche io so (pollice nero) che la menta è una pianta infestante..
Da te cara Fabi non ci poteva aspettare in risultato diverso a questo MTC..
Se ti va e hai tempo puoi partecipare al mio contest dedicato al brunch??
Bacissimi

Cinzia ha detto...

Ciao Fabiana, un bacione e buon w.e.!
Cinzia

lerocherhotel ha detto...

decisamente stuzzicante!

Il Forno delle Streghe ha detto...

Il Tuo Blog è tutto da leggere!

:) me lo metto tra i preferiti!

E grazie dei tuoi consigli per il Pesto!

viola ha detto...

anche a me piace molto cucinare con i fiori! Però non è che ne abbia molti a disposizione quindi per lo più guardo i capolavori altrui ;)
La foto è bellissima, la notai subito quando la vidi !
Brava! E' Veramente bella!
Un bacione

elenuccia ha detto...

Bello, questa versione alternativa mi piace un sacco. Chissà che buona fatta con le erbe aromatiche e i fiori.

xlpharmacy.com ha detto...

Mi piace guardare questo post, davvero vedere i disegni secondo la regione è molto imprecionante perché c'è troppa varietà.