martedì 6 marzo 2012

Dove sei.....USA...dove sei???

Ve la ricordate la canzone dei New Trolls AMERICA OK ??
A me ha sempre divertito, l'ho talvolta canticchiata, spesso stonata, ma in questi giorni mi insegue come un incubo!!!!

Voi che fate quando siete agitati??
Conoscete un sistema per darsi coraggio e fare scelte che vi tentano e spaventano al tempo stesso???

Se avete una cura, vi prego......mi serve tutta!

Devo operare una scelta, considerevole....e la calmissima Fabi non è più tanto calma.
Devo andare a lavorare a NY, sono un  filo in apprensione.


Mentre continuo a cambiare idea ogni 5 minuti, anche meno, vi lascio con gli ultimi esperimenti per i menù elaborati ancora in terra patria, niente stelle e strisce,  in compenso speciali Noodles nascosti dentro ai ravanelli con straccetti di manzo in salsa piccante al rafano  .....  bocconcini piccoli, pungenti e light.







Il branzino mille colori finisce in una sfoglia intrecciata, avvolto prima nelle stesse verdurine che lo circondano a garanzia di un extra di morbidezza





In ultimo un "dolce coerente" il  4 M little cake.
Trattasi di una monoporzione a base di mele, miele, mandorle( in farina ed in lamelle) e mousse al Drambuie....quindi un liquore a base di miele e whisky.

Oggi io rinuncio al miele....a me servitene uno doppio liscio, ne ho bisogno...e grazie!!



18 commenti:

Paprika&Paprika ha detto...

Fabiana....dopo aver letto le prime righe non riuscivo più a concentrarmi. se vuoi vediamoci giovedi tardo pomeriggio, e qui ci vuole qualcosa di forte mi sa...

Fabiana ha detto...

Estremamente forte, giovedì pomeriggio ritornerò giusto giusto dalla questura.
Ape da Chiara??

silvanausa ha detto...

sai come ti capisco io lo fatta 2 volte questa scelta la prima 22 anni fa e sono venuta qua negli statai uniti
e poi di nuovo 16 anni fa e ci sono rimasta sai io abito a 4 ore di macchina da NY in un piccolo paesino se decidi di venire sarai la bevenuta negli stati uniti ciao

Luna - Pizza Fichi e Zighini ha detto...

Caspita! una scelta difficilissima. perchè anche se sì per carità, io per prima farei i salti di gioia all'idea di andare a vivere a new york, poi quando ti capita veramente è tutta un'altra faccenda....si fa sul serio!!
Posso raccontari come agisco io quando devo prendere una decisione difficile: prima cerco di sentire tanti pareri, raccolgo le opinioni di tutti e le separo mentalmente operando una specie di sondaggio tra chi è pro, chi contro e chi si astiene. Poi però me ne vado in completa solitudine a fare una lunghissima passeggiata, in un posto che mi fa stare bene (campagna, mare, dipende dai momenti). Camminare è una cosa che mi scarica e mi chiarisce le idee. ma ancora non decido! faccio sedimentare l'energia liberata dalla passeggiata, ci dormo su un'altra notte cercando di svincolarmi dall'urgenza di decidere e lascio che sia il cuore, quando intorno c'è solo silenzio, a dirmi, finalmente, la sua.
Un bacione e in bocca al lupo!

accantoalcamino ha detto...

Ciao Fabiana, nel 1992 quando andai in America a fare una serie di gare di coppa del mondo di MTB, una famosa "corridora" Durante la permanenza a casa sua dove, quando non mi allenavo, cucinavo per lei, mi propose di andare a vivere a casa dei suoi genitori in un Ranch, con il "lavoro" di insegnare l'italiano alla sorellina e qualche volta cucinare per loro.
Non accettai, non me la sentii di abbandonare il mio adorato gatto Lorenzo. Me ne sono pentita, ma a quei tempi trasportare animali in aereo era impossibile e non mi sarei data più pace.
Credo che l'America sia il posto giusto per te. Ripeto, ti ho vista lavorare, ho avuto la fortuna di conoscerti, qui sei sprecata, vai e ritorna vittoriosa (e piena di palanche ;-) )

lucy ha detto...

Fabiana...subito di corsa!ogni esperienza va fatta se non vi sono grossi impedimenti.chi vive con remore e ostacoli vive a meta'....pero'mi spieghi tutto in privato!!!

Fabiana ha detto...

Silvanausa: SI', ci verrò eccome!
Ma tu come ti sei trovata, non ti sentivi sola senza nessun conoscente, famigliare o amico??
A me preoccupa l'idea del "per sempre" e delle piccole cose materiali che adesso mi sembrano ingestibili e mi si affollano tutte in testa!!!! Ti scriverò, così ci scambiamo gli indirizzi!!!!
Luna: esatto, hai proprio colto la mia sensazione attuale e la mia emotività in subbuglio!!
Il tuo mi sembra un bel sistema per far emergere la risposta, ho davanti a me decine di km di spiaggia......per riflettere!!
Libera: prometto che farò del mio meglio e cercherò di ricordarmi di quella grinta che tante volte sventolo, ma che in questo istante deve essere nascosta in qualche angolo!
Lucy: vero.....so che questa occasione non si ripeterà.
Mi preoccupa un po' lasciare casa, figli, genitori per un tempo che in teoria non avrà fine.
A maggio mi fanno tornare per essere poi "invitata" ufficialmente a restare con il mio bravo visto ...per 5 anni!!!

eli ha detto...

Con il tuo talento, io ti dico una cosa , N.Y. ha bisogno di te!
Certo è un grande passo da ponderare bene, ma poi...why not?

Fabiana ha detto...

Eli: Ma grazie...che bel complimento!
Sai quando prima di fare una cosa ti vengono mille paure anche se è una vita che ti prepari a farla??? ....ecco, roba così!!!!

Elisabetta ha detto...

Posso mangiare da voi?? ahaha che belliii

Max ha detto...

La cura c'è l'hai a portata di mano...non farla tremare altrimenti non potrai realizzare ciò che è la tua arte e la tua capacità...si serena molto serena e vai...ciao.

Maria Luisa ha detto...

Bè è sicuramente una scelta difficile, specialmente quando si tratta di lasciare la famiglia, io ovviamente non posso consigliarti niente, solo confermare la tua bravura e un augurio di riuscire a trovare dentro di te la risposta giusta...le ricettine? Super come sempre!

ary/enza ha detto...

mi piace il tuo blog :) splendide ricette e ti seguo con piacere :) se ti va passa da me anche se sono alle prime armi :) ciao :)

Patty ha detto...

Non ho capito bene. Devi andare a lavorare a NY per un periodo o devi andare a lavorare a NY punto? Perché la cosa è grossa, davvero e personalmente, considerando quanto io ami NY, non ci penserei su un attimo. Baracca e burattini e via. La mia famiglia con me e tutto quello che mi serve e lì. L'Italia per un po' potrebbe fare a meno di me, considerando i livelli in cui galleggia il nostro paese, e tu, forte di una esperienza e con quache soddisfazione economica in più, potresti anche decidere di tornare, senza fretta però! Io credo che tu sia forte abbastanza. Ti abbraccio e facci sapere. Pat

Mammazan ha detto...

Sei ancora in America??
Ti raggiungo, ti porto i bagagli, faccio la fila per te al cheekinn. intanto ti mi insegni qualche segreto così imparo a fare qualcosa di bello e diverso dalle cosine che preparo di solito!!
Un bacione piccola maga!

Mammazan ha detto...

Sono di nuovo qui...Vedrai..quanto sarai di nuovo in patria sta pur certa che l'Italia ti andrà stretta..me ne sono accorta io dopo solo 7 settimane si permanenza in Michigan!!
E mi raccomando: falli tutti neri!!!

Pellegrina ha detto...

Fila fila fila fila via da questo paese senza futuro! esplora esplora, tutto si ricostruisce, se si è apprezzate e valorizzate. Non conosco molto gli USA, ma se potessi vivere per sempre in Francia, dove ora sono, sarei felice e senza pensieri.

Pellegrina ha detto...

Fila fila fila fila via da questo paese senza futuro! esplora esplora, tutto si ricostruisce, se si è apprezzate e valorizzate. Non conosco molto gli USA, ma se potessi vivere per sempre in Francia, dove ora sono, sarei felice e senza pensieri.