domenica 8 dicembre 2013

La Pasion Turca

La prima volta che ho visto questo film sono rimasta inchiodata allo schermo con sensibili brividi combinati singolarmente a temperatura e pressione crescente( è pure pericoloso!)
La seconda volta stessa identica reazione, dopo la centesima ho capito che niente sarebbe cambiato mai......erotismo allo stato puro!!!!!!!!!!!!!

Appena sento nominare la Turchia immediatamente  penso ad una storia di passione intensa e sconvolgente, occhi profondi ed imprendibili, suoni che accompagnano momenti di carnalità estrema, odori così intensi e spessi da celarli più di un manto...... è proprio il caso di dire che "mi faccio un film"....e che film!!!!




Così quando la socia è rientrata da Istanbul con un carico di spezie  e petali di rosa damascena mi è sembrato il momento di buttare giù l'asso: un paté turco!!!

Fosse per me avrei arrostito delle costine di maiale brutalmente rotolate nelle spezie, ma temendo( in realtà non più di tanto) l'anatema,  nelle stesse spezie abbiamo rotolato un cosciotto d'agnello e pure questo  ha fatto la stessa splendida fine.....lentamente si è trasformato in paté!!




In realtà la partenza è stata diversa, il cosciotto è finito in forno dopo essere stato ben unto, irrorato con succo di limone  e massaggiato con le spezie meravigliose, un mix di paprika, cumino, menta , sale, origano, cannella, coriandolo, cardamomo verde, noce moscata, garofano, ginepro.
In questa condizione ha passato ben coperto la notte in frigo.
Il mattino seguente alla carne abbiamo unito 3 cipolle affettate, un paio di pomodori privati dei semi ed abbiamo fasciato con carta stagnola quindi infornato a 200°.
Il nostro pezzo ha richiesto circa un'ora e mezza di cottura.
Il coscio è finito nei piatti, l'abbiamo mangiato di gusto accompagnato da una salsa allo yogurt e coriandolo, ne abbiamo tenuto da parte solo un pezzetto, quello destinato a trasformarsi in scioglievole paté.




Abbiamo disposto la carne  nel termomix, unito un pochino dell'abbondante sugo rilasciato durante la cottura in forno( ecco perchè avevamo incartato per bene il tutto per conservare morbidezza e liquidi) e poca panna liquida, poi il lavoro l'ha fatto la macchina.
La crema risultata era decisamente omogenea, ma noi abbiamo scelto comunque di rifinirla ulteriormente passandola al setaccio fine.


Le mosse successive sono semplicissime, ma richiedono un pochino di attenzione.
Mentre l'agnello si assesta bene in frigo prepariamo  il burro alle rose e coriandolo, passiamo anche quello in frigo  e poi semplicemente  costruiamo le monoporzioni a strati badando di finire con il burro ricomposto steso in cordoncini che si sormontano e si intrecciano in modo fintamente irregolare( sac à poche e bocchetta liscia, foro piccolissimo).
Si devono creare giochi di luci ed ombre, piccoli spazi dove inserire i petali nature.
Provvediamo a chiudere con una spolverata del mix magico.

Ciò che si crea in bocca è un'onda di piacere che al palato diventa quasi liquida, una mescolanza di sapori intensissimi e note soavi e profumate, si consuma una piccola passione.....turca, naturalmente!

5 commenti:

Mammazan ha detto...

Queste meraviglie si vedono e si gustano anche solo con gli occhi solo da te!!!
Un abbraccio grande!!!

Fabiana Del Nero ha detto...

Grazie Mammazan....sei sempre dolcissima!!:))

lucy ha detto...

rose, spezie...umh...temperatura caliente!

mari ►☼◄ lasagnapazza ha detto...

Piatto dalla bellezza sconvolgente e sono certa dal sapore ancor di più.
A Istambul ci sono stata una volta sola e ci ho lasciato il cuore.
Bravissima Fabiana, come sempre anzi, più di sempre :)

manu ela ha detto...

E vabbè! Ma questo è concentrato di sensualità e goduria!!!!
ma se fai queste cose io posso anche chiudere e andare a battermi il capo con l'opera omnia di Alain Ducasse!!!
Tanto poi mi riprendo assaggiando questo meraviglioso patè! Ciao.