martedì 5 luglio 2016

Il mio orto è magico

I cetrioli devono essere magici.
Li annaffi la sera e loro sono lì, tranquilli, nascosti tra il fogliame, ancora piccoli e bitorzoluti.


Li ritrovi al mattino e già non li riconosci più.
Enormi, turgidi e lisci, letteralmente incastrati nel castelletto di metallo che li sostiene.
Si replicano misteriosamente di notte.
Tutte le notti.


Tutti gli anni.
Eppure la cosa non smette di sorprendermi.

Se avete idee con i cetrioli, oltre alle solite insalate con feta e anguria e tonnellaggi di tzatziki, passate pure perchè credo che questa sarà un'estate decisamente "cetriolosa"!!!

Mi piacerebbe poter fare un'equa misura tra i sovradimensionati cetrioli e le microscopiche melanzane.


 Purtroppo pare la magia non si possa compiere ed allora mi accontento e propongo delle tartellette piccole piccole con melanzane piccole piccole, ma saporite, da succhiare fino al picciolo.


Nel mio orto succedono  cose strane, ad esempio per la prima volta la cycas sta fiorendo,




queste invece sono già fiorite, io le trovo splendide!




Protetta dalle foglie della yucca dorme una chiocciola




I pomodori muchamiel, direttamente da Tenerife, stanno facendo il loro lavoro, li conto e li riconto ogni giorno.




Sono in dubbio se sia il momento di sradicare la radice di cren, le foglie sono enormi e fanno ben sperare, ma chissà se sotto ci sarà un tubero bello grosso o una "carotina" sfigata.
Adoro il sapore pungente del cren,  senza, insalate e carni non sarebbero le stesse.
Ultimamente ho fatto anche una piccola bavarese al cren, per accompagnare un pesce:))





Nel mio orto ci sono nidi giganti fatti non si sa da che uccelli.



 Ci sono piante di zucchette che crescono spontanee in mezzo alle piante grasse.



Ci sono statue fra i rami d'ulivo a loro volta abbracciati da cascate d'edera.



C'è una grossa radice di ciliegio con la statua di Didi piccolo che gioca a nascondino.


Nel mio orto c'è un sacco di vita, di sorprese, di bellezza ed io ne sono travolta.

Perchè mi emoziono così tanto per qualche "ciuffo d'erba"??
Perchè non sono mai a casa e quando ci torno non posso non ricordarmi quanto io sia la persona più fortunata del mondo!!!

A proposito, ecco dov'ero



La poesia delle Ville Venete e la cucina dell'amica di sempre Perla Raschini




Un binomio perfetto per ogni evento speciale, dal più raffinato, al più giovane e modaiolo:))
 


Matrimonio felice e divertente e dopo il banchetto nuziale la serata è stata dedicata a musica e pizza a go go.
Niente foto delle pizze, avevamo decisamente tutti le mani in pasta!
 



Questo non è che l'inizio, si riparte prestissimo.
Ciao orticello mio, ciao amici che passate di qui. Buona estate e gioia infinita a tutti!!!

4 commenti:

Pellegrina ha detto...

Gazpachi? Il tuo orto è un'avventura! Che bello ci sono ancora i cetrioli piccoli e cicciotti. Qui stanno diventando di moda quelli lunghi che mi convincono molto meno.
Le ville stupende, le sedie però discutibili...

Rosy ha detto...

Splendido, bellissimo il tuo orto, oltre i meravigliosi cetrioli vedo tanti altri ortaggi che non conoscevo...ha qualcosa di magico e speciale, a tratti quasi fiabesco:))complimenti:)).
Bellissimo e molto raffinato ed elegante anche il buffet, avrei voluto essere lì..grazie mille per la condivisione:))
un bacione:))
Rosy

Irene Bombarda ha detto...

Ahah...troppo bella la storia dei cetrioli...hai troppo ragione!
Grazie per il tuo commento sul mio blog...sei stata moooooolto carina!
p.s. le tue foto sono meravigliose! :-)
un caro carissimo saluto!
unospicchiodimelone!

ilaria lotti ha detto...

il tuo giardino-orto è una meraviglia...il paese dei balocchi...sappilo!