mercoledì 20 febbraio 2013

Non conventional food!!!


As usual......of course!!!!

Oggi da questa cucina sono uscite preparazioni che attraversano letteralmente il mondo, guardando alla tradizione, ma innovandola!

Nasce un GRISSINO IN ABITO MEDITERRANEO.......estremamente mediterraneo, con tutti i sapori ed i profumi intensi che parlano del nostro sud, ma abbracciati ad un grissino stirato a mano come facciamo noi al nord, insomma, mettila come vuoi, ma questa è  roba fortemente italica!!

Non basta, guardando ad est, pensando all'Asia, puntiamo direttamente alla Thailandia con un secondo piccolo( mediamente -piccolo) boccone che parla una lingua differente ed è un RISO FRITTO CON VERDURE E SOIA IN GEL FRIABILE, perchè allo Shanghai Market si trova di tutto ed io non smetto di perdermici  sognando d'essere di nuovo in Thailandia!!!


Più che un grissino questo è un vero e proprio mini-pasto, è ricchissimo e si presta a molte varianti, comprese quelle dolci.



Per 15 lunghi grissini servono:

250 g farina "00"
150 ml acqua calda
12,5 g lievito di birro
1 cucchiaio abbondante d'olio
1/2 cucchiaino di origano
1/2 cucchiaino di rosmarino
1 cucchiaino di sale
farina di mais q.b.





Procediamo:
Sciogliere il lievito in 1/2 bicchiere d'acqua, lasciar schiumare, dopo 10 minuti circa aggiungere alla farina ben setacciata.
Unire la restante acqua, tutte le erbe finemente tritate, l'olio evo ed in ultimo il sale.
Lavorare lungamente fino a che si staccherà senza essere appiccicoso.
Coprire e lasciar lievitare 1 H'.
Riprendere e lavorare leggermente per sgonfiare l'impasto.
Dividere in 15 palline, arrotolarle sulla spianatoia ed ottenere dei bastoncini, tirandoli dal centro verso le estremità.
Passare nella farina di mais e deporre a lievitare ancora 1 H' su teglia unta.
Cuocere in forno caldo a 220° per 8 minuti, estrarre.
Lasciar raffreddare nel mentre tritare molto finemente un pugno ci capperi ben dissalati ed asciugati, 1 pugno di olive nere preventivamente denocciolate, una decina di pomodori secchi, 1 peperone giallo.
Allargare bene in teglia, cospargere con poco zucchero velo ed infornare a 100° per 30 minuti.
Pennellare i grissini con un mix di senape e miele e cospargerli abbondantemente  con il trito unendo anche paprika e peperoncino in polvere.

In alternativa si può scegliere di rotolare i grissini in un mix di nocciole tritate con  pezzettini di pecorino o roquefort, deliziosamente piccanti e dolci!




L'involtino di germogli, verdure e gamberi invece è stato racchiuso in una fitta "maglia" di cipollotti intrecciati e poi cucinato al vapore, il profumo delle foglie di lime fa la differenza per una porzione assolutamente light e "non manipolatata " nella definizione del sapore..




Con una carota, 1 pugno di germogli di soia, 1/4 di bok choy( cavolo cinese),  cipollotti ed 1 pugno di riso jasmine precedentemente lessato si prepara un boccone unico!!!

 Servono:

1 carota grossa o 2 medie
1 pugno di germogli di soia freschi,
1/4 di cavolo cinese + qualche foglia integra
3 cipollotti
1/2 tazza di riso jasmine
300 g di manzo( o pollo)
sesamo bianco, nero, verde al wasabi
salsa di soia,
agar agar
olio di soia




Si puliscono e si affettano molto finemente tutte le verdure, io le tengo "in piedi" e le taglio con un coltello affilatissimo bel senso dell'altezza, escono lunghissime e sottilissime frange .
Si mettono a marinare per circa mezz'ora tutte le verdure con salsa di soia, magari imbustando sottovuoto per accelerare l' effetto della marinatura e nel frattempo si fa lessare il riso.
Procediamo scaldando l'olio nel wok, scoliamo le verdure e saltiamo molto rapidamente, uniamo la carne tagliata in sottili stringhe ed in ultimo il riso.
Saltiamo molto bene a fiamma sempre alta tenendo in movimento costante il contenuto, non servono cucchiai, palette, nulla....serve solo un polso elastico in movimento!:)
Uniamo una spolverata dei 3 tipi di sesamo preventivamente mescolati.




Sbollentiamo le foglie di cavolo tenute a parte e ricaviamone delle piccole coupelles che riempiremo con il riso fritto, leghiamo con una sottile striscia di cavolo ed accompagniamo con  il GEL FRIABILE DI SOIA preparato qualche ora in anticipo(meglio il giorno prima).

Scaldiamo 250 ml di acqua, 10 g di sale grosso ed 1 cucchiaio abbondante di salsa di soia.
Ciò fatto uniamo a pioggia 5 g di agar e mescoliamo bene, portiamo ad ebollizione e manteniamo per 3 minuti.
Allontaniamo dalla fiamma e coliamo in uno stampo, io consiglio formine tipo quelle per ottenere i cubetti di ghiaccio, così si avranno già delle mono dosi senza effettuare ulteriori tagli.




Lasciar rapprendere a temperatura ambiente e poi passare in frigo fino al momento dell'uso.
Disporre un fagotto di riso fritto( volutamente lasciato privo di sale ed insaporitori) affiancare una micro grattugia ed un cubo di gel friabile di soia.
La particolarità è che il gel di agar è rispetto alla gelatina più friabile, quindi si presta alla masticazione e pure alla grattugia, l'importante è portarlo alla giusta temperatura e giusta consistenza.
Volendo si potranno fare dei panetti di sale in gel, da grattugiare e disporre in ciotoline o direttamente su insalate e zuppe, ovviamente se il liquido che lo ospita raggiunge gli 80° l'agar fonde del tutto....ma pure il vostro palato, quindi tiepido è molto meglio:)))

3 commenti:

Cristiana Valeria ha detto...

Cavolo, per una volta ho pensato:evvai questa la posso fare anch'io....ma giusto i grissini, mi hai fregato...già l'intreccio mi crea un certo sconforto...di ritorno da una cena dove si è mangiato di m...: che rabbia ingrassare a vanvera...notte notte cri

lucy ha detto...

con te nulla è conventional..ma è il tuo bello!!!e poi non conventional ma fatto ad arte!

colombina ha detto...

sei incredibile! I grissini vestiti devono essere una vera delizia! Un bacio