lunedì 4 febbraio 2013

Pressé di fichi e brigata all'attacco!!!


Scrivere un post alle 2,23 di notte non è un bel segnale!
Fra le molteplici ipotesi ci sono: grave caso di insonnia, scarsa lucidità mentale, giornata troppo impegnativa e troppo lunga.....condensando tutte e tre le possibilità esce il ritratto della mia condizione attuale con una percentuale preponderante verso la scarsa lucidità mentale!!

Meno male che ho cucinato di giorno.

PRESSE' DI FICHI AL RUM CHEVRE COPPA DI PARMA E MANDORLE CARAMELLATE





Per questo semplice antipasto serviranno:

1 confezione di fichi secchi
1 bicchiere di rum scuro
1 stecca di cannella
250 g chèvre
2/3 cucchiai di crema di latte
20 fettine di coppa di Parma( in egual numero dei bocconcini che si realizzeranno)
mandorle a scaglie
100 g zucchero semolato
aceto ai fichi
sale, pepe




Tagliare i fichi a metà, disporre in una ciotola e coprire con il rum scaldato, unire la stecca di cannella e lasciare a macerare per una mezz'ora.
Scolare, tamponare, distribuire i fichi fra 2 fogli di carta forno ed appiattire con un mattarello ottenendo dei sottili dischi.
Lavorare il formaggio con la crema di latte e qualche goccia di balsamico ai fichi, controllare la sapidità, salare e pepare.




Predisporre sul piano gli stampini in silicone, disporre sul fondo un disco di fico con i "semini" appoggiati sulla base.
Coprire con un sottile strato di crema di formaggio, sovrapporre un altro fico e premere molto bene( non devono rimanere spazi) ancora formaggio.
Sormontare con la fetta di coppa rifilata a misura, ancora un fico, formaggio, chiudere con l'ultimo disco e pressare bene.




Impacchettare lo stampino con carta forno, porre al fresco per qualche ora sormontato da un peso.
Spacchettare, sformare, disporre sul piatto di servizio.
In un pentolino con fondo pesante preparare un caramello a secco, solo zucchero.
Non mescolare, muovere semplicemente per facilitare lo scioglimento.
Aiutandosi con una pinza da cucina prelevare le scaglie di mandorle ed intingerle una per volta nel caramello.




Tenendole " a testa in giù" attendere che il caramello formi la goccia ed un attimo prima che si stacchi intingere in una ciotola d'acqua e ghiaccio, ottenendo l'effetto candela che si vede in foto.
Disporre le mandorle ai lati del pressé circondandolo interamente.

Questo bocconcino è semplice, ma sostanzioso e delizioso!!




Ed ora......le cucine de Il Vescovado riaprono per un secondo appuntamento, un appuntamento di classe e di sostanza, interamente dedicato alla carne.




L'executive chef Giuseppe Ricchebuono, Pablo Fermoselle, Kaori No, German Genovese

                                                                       propongono


- Parfait di piccione e crema di mela bruciata.

- Coniglio e fois gras.

- Tortelli di agnello e la sua glassa.

- Agnello arrosto e ......non solo





Benvenuti al Vescovado!!!Vi consiglio di approfittarne, l'occasione è ghiotta ed esclusiva!!
Info e prenotazioni solo qui fabianadelnero@gmail.com  cell +393403234236

9 commenti:

lucy ha detto...

capita...capita..non sei l'unica.bellissima ricetta come sempre!..un bacio alla brigata!

Fabiana ha detto...

Ho notato che anche tu stamattina presto eri già in pista....io ho fatto proprio il giro.....bella giostra:((

Francesca Edesia ha detto...

Che delizia questo dolce. Qui in Sicilia ne abbiamo di fichi secchi, e poi io adoro il rum...non che lo bevo, ma mi piace nel babà a rhum:) Riguardo i Food Stamps, somigliano a dei grandi francobolli e chi ne ha diritto sono i disoccupati, persone a basso reddito, invalidi ecc. Dopo presentazioni vari certificati ricevono questi stamps, poi li presentano nei supermercati in cambio di cibo. Questo programma è stato creato durante la Grande Depressione dal governo americano ed è condotto dal Ministry of Agriculture. In Italia ci saranno vari tipi di assistenza credo ma non credo di questo tipo. In America il numero di persone che ne usufruiscono è raddoppiato negli ultimi anni, con la crisi. Figurati in Italia oggi quanti ne sarebbero idonei. Purtroppo qui si parla tanto e non si fa niente per aiutare tutte le persone che hanno perso il posto o che non lo trovano. Mio marito è giapponese e pure in Giappone hanno un buon sistema di aiuto per i disoccupati e senza pensione. Da quello che ho capito prendono più che se avessero una pensione.
Anch'io certe volte sono online di notte fonda...qualcuno mi ha dato del gufo addirittura:) scherzando ovviamente. Ma non sono i pipistrelli che sono svegli di notte?

Fabiana ha detto...

Francesca: invece io lo bevo proprio il rum, magari avercelo sempre a portata di mano!;)))
Sai che questi food stamps mi hanno incuriosita davvero tanto, mi sembra un'idea molto intelligente ed anche facilmente applicabile.
Certo, bisognerebbe essere certi che non approfitti chi non ha diritto, ad esempio quanti falsi invalidi abbiamo in Italia??? Troppi!
Non vorrei che ci fossero pure dei falsi poveri che approfittano sottraendo spazio ai poveri veri.....che sono drammaticamente tantissimi!!!
La domanda naturalmente è una sola....chi paga tutto questo???
Se l'Italia non fosse il mio paese, se non ci fossero le mie radici io l'avrei lasciato da tempo, non vedo futuro, neanche un'ombra! Che tristezza!!

Un abbraccio Francesca, mille grazie delle tue interessantissime informazioni:))

Fabiana ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Maria Stipendi Pa ha detto...

Mamma mia che dolce per cosi buono,proverò a farlo in settimana,perciò mi segno la ricetta subito.Baci

Acquolina ha detto...

fantastico! accostamenti e presentazione raffinatissimi :-)
e quelle mandorle con la goccia di caramello, bellissime!!! ma che pazienza!

Edith Pilaff ha detto...

Ciao,capito da queste parti dopo aver letto il tuo interessante commento sulla tua esperienza tailandese.Sono a bocca aperta di fronte al tuo blog!
Quante cose belle ed interessanti!
Complimenti,e spero che racconterai dell'altro sulla Tailandia.

Monica ha detto...

oddioooo!!!! questo mi fa proprio sbavare... ma perchè mi piacciono un mucchio tutti gli ingredienti che ci sono dentro... ma d'altra parte, cosa, di quello che posti, non fa sbavare?
Grandiosa!