venerdì 19 luglio 2013

L'abbraccio del polpo


E' il caso di dire un abbraccio tentacolare!
Suadente, morbido, ma tenace.
Saporito ed intenso.
E' l'abbraccio del polpo cotto sottovuoto che proprio non può fare a meno di avvolgersi attorno ad un "robusto" pacchero, non può....e non deve!

Ecco come

servono:

1 polpo congelato, oppure fresco ma ben battuto di circa 1 kg di peso
carota, sedano, cipolla
1 melanzana
1 trombetta bella lunga
passata di pomodoro
olio di arachide
julienne di basilico
1 spicchio d'aglio
buccia di 1 limone bio
sale fino




Pulire il polpo lavando ogni residuo fra le ventose e strofinando con sale per eliminare la bava,  privarlo di occhi e becco, rovesciare la testa ed eliminare ogni aderenza, se il polpo è decongelato sarà certamente stato già eviscerato.
Arricciate i tentacoli immergendoli ripetutamente in acqua bollente per pochi secondi.
Raffreddare sotto acqua corrente.
Imbustare il polpo intero dopo averlo ben asciugato(testa compresa!!!)con un gambo di sedano spezzato, qualche "foglia" di cipolla e carota.
Praticare il sottovuoto e cuocere per  un'ora e mezza a 75°.
Se non si dispone di un roner si può tranquillamente eseguire l'operazione con una normale pentola, un frangifiamma, un fornello tenuto al minimo ed un costante controllo con termometro digitale:))
Lasciare raffreddare completamente, estrarre ed aprire finalmente la busta.




Il polpo non avrà disperso succhi, non avrà perso pelle, sarà compatto, cotto, ma compatto.
A questo punto ci si può fare ciò che si vuole nel mio caso l'ho tagliato mantenendo i tentacoli belli lunghi, poi li ho fritti.
Stessa sorte è toccata a melanzana e trombette prima cubettate e poi fritte in olio d'arachide a 190°.
Nel mentre in una larga padella ho soffritto uno spicchio d'aglio ed ho poi ristretto della buona passata di pomodoro-
Nella passata si "tuffano" trombette, polpo e melanzane fritte e si lasciano nel loro bel sugo finchè saranno raggiunte anche dai paccheri cotti bene al dente.




Chiude il piatto una ricca julienne di basilico fresco e una bella grattata di scorza di limone bio.
Certo, se nel mio orto crescessero pure i polpi non mi sarebbe mancato davvero neanche un ingrediente, ma fortunatamente è a questo che servono gli amici pescatori ;)))!!!

5 commenti:

Ale only kitchen ha detto...

Tu non sai quanto mangerei volentieri questi paccheri... Proverò questo condimento, a cottura lenta ma non sottovuoto (non ce l'ho!). All'abbraccio del polpo non posso resistere :-)))
Un abbraccio

Ady ha detto...

che meraviglia, sono con le papille gustative attivate, un bacio ady
Ubique Chic

Grazia ha detto...

MMMM ! Profumo di mare, del nostro Sud, di cene sulla spiaggia. Che bontà! C'è niente di più mediterraneo del polpo ?

Sabrina Fattorini ha detto...

Bellissimo piatto ... come sempre!!! Un abbraccio!!!

Rimanere in cinta ha detto...

Una ricetta molto gustosa, di solito mangio il polpo fritto ma cosi non l'ho provato mai,sarà il caso di fare subito questa magnifica ricetta.